In un dettagliatissimo articolo, Jolie Kerr del New York Times ha elencato alcune e semplici regole di base per aiutare i lettori nella pulizia della propria casa. Partendo dalla cucina per arrivare al bagno, passando per le zone living, l’articolo offre ottimi spunti per una gestione efficiente delle pulizie domestiche.

CUCINA

Che siate cuochi provetti o meno, la cucina è sicuramente uno degli ambienti domestici che necessita più spesso di pulizie mirate. Proprio perché si ha a che fare con il cibo, il New York Times consiglia di partire dai piatti: per evitare di ritrovarsi il lavandino pieno di stoviglie da pulire come spesso accade nei film americani, il consiglio più utile è quello di lavarli sempre, almeno una volta al giorno. Il trucco proposto dal quotidiano riguarda la questione timing: secondo il NYT, il modo più efficace per farsi venire la voglia di lavare i piatti, è cronometrare il tempo che ci si mette per farlo. Dopo aver visto che in realtà ci si impiega poco più di qualche minuto, l’ansia da lavaggio dei piatti dovrebbe sparire per lasciare posto alla buona volontà.

Dal lavandino, si passa poi ai fornelli. Ancora una volta, il segreto consiste nel lavarli subito per evitare che lo sporchi si incrosti e per non dovere andare a grattare con la spugnetta sull’acciaio o sul vetro che, inevitabilmente ne uscirebbero graffiati e rovinati. Ricordate, anche la spugnetta ha bisogno di pulizia perciò lavatela mettendola in lavastoviglie oppure bagnatela con aceto e limone e fatela girare in microonde per qualche minuto.

Dopo aver ripulito il frigorifero da tutti gli alimenti avanzati e tendenti al marcio, l’ultimo step consiste nel detergere il pavimento. Anche in questo caso, conviene pulire i pavimenti sempre per ultimi per evitare di fare due volte la stessa procedura. Con una scopa se ci sono pezzi di cibo per terra, o con un aspirapolvere, passate la superficie della cucina per ripulirla da polvere, briciole e peli (se avete degli animali domestici). Una volta eliminati tutti i residui solidi, è il momento di passare il pavimento con Nheat. Il nuovo lavapavimenti a calore vi aiuterà anche con le macchie più ostinate e lascerà la superficie della cucina pulita ed igienizzata, anche senza l’uso di detersivi. Se volete lasciare l’ambiente profumato, nell’apposito serbatoio potete aggiungere qualche goccia di olio essenziale: al resto ci penserà il calore.

BAGNO

Dalla cucina si passa al bagno, che secondo il NYT è uno di quegli ambienti che se puliti in modo frequente, consente di risparmiare tempo e fatica senza per forza perdere ore di tempo nelle pulizie. Ad aiutarci in questo campo, ci sono ovviamente i detergenti appositi: dallo sgrassatore allo spray con candeggina per disinfettare i sanitari, questi sono solo alcuni degli strumenti che ci possono dare una mano. Il consiglio del quotidiano statunitense? Quello di lasciarli agire per qualche minuto e solo dopo detergere con l’acqua, affinché la loro funzione faccia effetto.

Anche in questo caso, per capelli e peli conviene munirsi di aspirapolvere o scopa per i pavimenti oppure di una spugna o di un panno in microfibra per le zone intorno ai sanitari.

Alla fine, potete usare nuovamente Nheat: pronto in meno di due minuti, il nuovo lavapavimenti vi aiuterà ad igienizzare il vostro bagno. In più, se le pareti sono ricoperte da piastrelle, gres o legno, Nheat vi aiuterà anche nella loro pulizia: leggero e maneggevole, grazie alla potenza del calore, lascerà tutte le superfici del vostro bagno pulite ed igienizzate, anche senza l’uso di detersivi.

Nel prossimo articolo continueremo con le zone living, ma nel frattempo fatevi conquistare da Nheat e dalla potenza del calore!

To be continued..